StorieTech Info

Il ragazzo che ha guadagnato 1 milione di $ in bug bounties!! 2019

0

Se non sai cosa sono i bug bounties, beh, te lo spieghiamo noi, in pratica questi bug bounties sono delle ricompense offerte dalle aziende a tutti coloro che riescono a trovare bug all’interno del sito o software dell’azienda stessa…

Ad esempio, se trovi un bug nel sito di google, potresti ricevere dai $100 ai $31,337 in base alla gravità del bug.

Ecco appunto, oggi vi andremo a parlare di questo ragazzo argentino di soli 19 anni che ha guadagnato ben 1 milione di dollari nella ricerca di bug…

Questo ragazzo si chiama Santiago Lopez, ed è la prima persona al mondo ad aver guadagnato 1 milione di dollari scovando bug, il tutto grazie la piattaforma HackerOne

In un intervista, Santiago spiega come abbia imparato tutto da solo, senza l’aiuto di nessuno, si iscrisse a HackerOne nel 2015, ma solo nel 2016 trovò la prima vulnerabilità che li fruttò ben 50$.

Fino ad oggi, Santiago ha scovato ben 1670 vulnerabilità per compagnie de calibro come Shopify, Twitter e anche WordPress, senza dimenticarsi del bug più ricco trovato nel suo percorso…

Una grave falla di sicurezza che poteva attivare un SSRF, quest’ultima portò ben 9000$ dollari in tasca a Santiago.

Inoltre, la cosa più interessante secondo lui, risiede nel fatto che è passato dal fare questa cosa nel dopo-scuola al farlo come lavoro vero e proprio.

Impiegando anche 6-7 ore e guadagnando comunque più di un ingegnere informatico a Buenos Aires.

HackerOne è una piattaforma davvero utilizzata, sia dai “White Hat Hackers” ma anche dalle stesse imprese, che vogliono tenere le proprie piattaforme sicure.


Non da poco anche il fatto che su 10 persone, 9 sono di età inferiore ai 35 anni, il che significa che molti giovani credono in questa piattaforma per ricevere qualche soldo extra oppure per farlo diventare il proprio stipendio.

Bene, questo era tutto riguardo questa curiosità, noi ci vediamo alla prossima.

Techno Age Admin

Come convertire una pagina web in un file PDF! 2019

Previous article

Tutto quello che devi sapere sull’IMEI! 2019

Next article

Comments

Rispondi

Login/Sign up