ProgrammazionePython

Python, le basi delle funzioni!

0

Benvenuto in questo nuovo articolo. Oggi torniamo a parlare di Python studiando uno degli argomenti più importanti nel contesto di qualsiasi linguaggio di programmazione moderno.

Stiamo parlando delle funzioni e della così detta programmazione modulare. Ma prima di partire subito con la pratica, cerchiamo di capire perché le funzioni sono così importanti nel contesto dello sviluppo software:

  • Le funzioni permettono di rendere il codice più minimale e leggibile. Infatti, esse racchiudono blocchi di istruzioni più o meno grandi. Questi blocchi, chiamando la funzione in questione possono essere eseguiti diverse volte, senza dover riscrivere l’intero blocco
  • Una funzione ben scritta può essere importata ed eseguita in un programma esterno, senza dover entrare nel merito di come essa è realizzata.
  • Per correggere il comportamento di una funzione che viene chiamata in molteplici parti del programma, ci basta agire sul blocco di codice di cui è composta, lasciando intatto il resto. Questo può essere un notevole vantaggio in fase di manutenzione del software

Questi sono solo alcuni dei vantaggi derivati dall’uso delle funzioni, a prescindere dal linguaggio di programmazione in uso. Ma, ora che abbiamo imparato un po’ di teoria, procediamo con l’implementazione in Python:

Partiamo con un semplice di definizione e uso di funzione:

Come puoi notare, anche se si tratta di un banale esempio, grazie all’uso di una funzione, abbiamo risparmiato ben sei righe di codice all’interno del nostro programma, rendendo il tutto più leggibile.

Tuttavia, ci rendiamo subito conto che questo uso banale delle funzioni, non ha molto senso. Infatti, in questo caso la funzione si occupa semplicemente di racchiudere delle istruzioni senza ricevere né inviare dati al blocco in cui viene chiamata.

Ovviamente, tutto questo è possibile come puoi notare dall’esempio successivo:

Ora, tutto inizia ad essere più interessante. Infatti, grazie all’aggiunta del parametro “nome” all’interno della definizione, possiamo trasferire informazioni dal blocco in cui la funzione viene chiamata alla funzione stessa. Ovviamente, quest’ultima può essere richiamata diverse volte con parametri diversi:

Passiamo ora a coprire un altro aspetto fondamentale. Stiamo parlando del trasferimento di informazioni dalla funzione al blocco in cui essa è chiamata. Cerchiamo di capire subito questo concetto con un ulteriore esempio:

Come puoi notare, grazie alla keyword “return” è stato possibile “ritornare” un valore al blocco chiamante, in questo caso la somma tra due addendi.

Con quest’ultimo aspetto, abbiamo in linea di massima compreso le basi dell’uso delle funzioni.

Nei prossimi articoli continueremo a parlare di questo argomento trattando un uso più avanzato di questo fondamentale componente.

Techno Age Admin

I nuovi Amazon Echo sono in arrivo!

Previous article

Tutto quello che devi sapere sui nuovi Oppo Reno4 !

Next article

Comments

Rispondi

Translate the page

Login/Sign up