Informatica

Qual è il miglior modo per gestire le password?

0

Se vuoi partecipare a contest con in palio Buoni Amazon, Google Play e tanto altro ancora, entra nel nostro canale Telegram premendo il seguente link:
Detto questo, benvenuto in questo nuovo articolo.

In questo articolo vedremo come puoi mantenere le tue password al sicuro, senza rischi e in pura tranquillità!

Per fare ciò useremo Bitwarden: un gestore password open source il cui codice è disponibile a tutti su Github L’essere open source è un inno alla trasparenza, proprietà fondamentale per un software che andrà a gestire tutte le nostre credenziali.

Questi ottimi presupposti sono coronati da algoritmi di crittografia all’avanguardia, cuore della sicurezza e fondamentali per questo tipo di servizi. Questa soluzione è inoltre rispettosa di tutti gli standard di protezione dati, tra cui: GDPR, Privacy Shield, HIPAA, CCPA, SOC 2 Type 2 and SOC3, Security Assessment 2018 e 2020.

Bitwarden è disponibile per tutte le piattaforme e in svariate modalità: possiamo scaricare l’app desktop, così come l’estensione del browser o l’app mobile. Ci è fornita persino la possibilità di usarlo tramite CLI o Web Vault, sta quindi alle nostre preferenze scegliere in che modo utilizzarlo.

In seguito all’installazione ci troveremo nell’area di login/registrazione, pronti per creare un nuovo account premendo l’apposito pulsante. Ci verranno richiesti username e password principale, queste due informazioni giocano un ruolo fondamentale: é da loro che deriva la chiave crittografica che servirà a decifrare il vault. Scegliamo una password sicura, scriviamola sulla nostra agenda di fiducia, sicuri di non perderla e tenendola lontana da occhi indiscreti.

Perdere la password principale si traduce in perdere l’account, cassaforte e qualsiasi nostro dato sensibile in quanto essa NON è recuperabile col classico “non ricordi la password?”. L’unico aiuto che ci viene dato è il suggerimento che sceglieremo di utilizzare in caso di dimenticanza, esso è facoltativo quindi non siamo costretti ad inserirlo.

Per questo articolo è tutto!

Se hai domande riguardo l’articolo o se hai bisogno di supporto in ambito informatico allora entra nel nostro gruppo e chiedi pure! Per entrare nel gruppo premi questo link .

Prime Reading vs Kindle Unlimited: Facciamo il punto

Previous article

Come ordinare cibo online spendendo pochissimo!

Next article

Comments

Rispondi